§ Vincitore 2020/2021

Elias Maier

Direttore dell'Associazione svizzera delle comunità e corporazioni civiche


Elias Maier è il direttore dell'Associazione svizzera delle comunità e corporazioni civiche e assistente personale della consigliera nazionale Christa Markwalder. Il 31enne è impegnato, pragmatico e liberale. Nel suo comune natale, Burgdorf, è presidente dell'FDP e consigliere comunale.

 

Il problema: domande di pianificazione che richiedono tempo

 

Che si tratti di allestire un bar pop-up o di costruire o rinnovare un edificio, le richieste di pianificazione che richiedono tempo sono necessarie ovunque. Costruire applicazioni con la documentazione associata richiede un enorme dispendio di tempo, causa costi elevati e, ultimo ma non meno importante, un'enorme montagna di carta. Nel cantone di Berna, una domanda di costruzione media è di oltre 100 pagine. Inoltre, i documenti relativamente grandi vengono inviati più volte per posta tra il richiedente, il comune e le autorità. Altri problemi risiedono nel trattamento delle domande e nella carenza nazionale di lavoratori qualificati nelle amministrazioni edilizie. Questo porta a enormi ritardi nel trattamento delle domande di costruzione e le scadenze non possono essere rispettate. Questo ritarda la realizzazione dei progetti di costruzione.

 

La soluzione: uno sportello unico nazionale ed elettronico per la costruzione 

 

Le domande di costruzione e la relativa documentazione dovrebbero essere presentate e pubblicate nel modo più semplice e digitale possibile su una piattaforma nazionale. Le domande devono essere controllate dalle autorità responsabili e poi inviate agli uffici specializzati necessari su una piattaforma. Le obiezioni devono essere fatte anche attraverso la piattaforma. Soprattutto nel caso di applicazioni semplici, ad esempio per l'erezione di un banner pubblicitario o la realizzazione di un'operazione pop-up, le applicazioni dovrebbero poter essere elaborate il più rapidamente possibile. In futuro, una soluzione blockchain potrebbe anche approvare le domande in un tempo molto breve. 

 

L'idea è quella di raggiungere l'armonizzazione nazionale e la semplificazione della legislazione edilizia in modo che le domande possano essere presentate in modo standardizzato. La sua attuazione avverrebbe tramite la modifica delle leggi edilizie cantonali e comunali (revisione della legge federale sulla pianificazione del territorio) o nel quadro di un concordato. Un primo passo in questa direzione è già stato fatto regolando i termini formali dell'edilizia come le altezze, le distanze e i piani attraverso un concordato. Il sostegno potrebbe essere fornito dall'associazione dei proprietari di case e dalle associazioni commerciali e imprenditoriali. 

 

In futuro, i progetti di costruzione potrebbero essere realizzati in tempi brevi. Il processo è massicciamente accelerato, ridotto e semplificato e c'è un unico punto di contatto/sito web. 

 

I cittadini e la comunità imprenditoriale saranno massicciamente sollevati dall'onere di presentare domande di costruzione. Rinunciando a milioni (probabilmente miliardi) di pagine di carta stampata, anche l'ambiente sarà protetto. D'altra parte, le amministrazioni edilizie dei comuni devono essere alleggerite o abolite. Questi dovrebbero unire le loro forze per formare efficienti centri regionali o comunali di amministrazione degli edifici per l'elaborazione delle domande elettroniche. Questo potrebbe contrastare la carenza di lavoratori qualificati e far risparmiare i comuni.


§ finalisti 2020/2021

dominic eichenberger

Aprire le prospettive, guidare le idee, costruire il marchio e innovare la comunicazione


Dominic Eichenberger sviluppa idee creative, concetti sostenibili e soluzioni innovative di brand e comunicazione per aziende, organizzazioni e istituzioni. Il 44enne vive a Bolligen, vicino a Berna. Oltre al suo lavoro, è particolarmente interessato all'architettura, all'arte, alla moda e al design.

 

Il problema: la giungla dei permessi

 

Per organizzare un evento, a seconda del tipo/portata dell'evento, sono necessari uno o più permessi scritti, che devono essere organizzati/ottenuti in tempo utile per poter svolgere l'evento. Per esempio, puoi compilare tutti i tipi di documenti descrittivi in PDF alla città di Berna e poi inviarli via e-mail. Come, chi e quando questo processo viene influenzato è spesso un mistero per il richiedente.

 

La soluzione: una piattaforma elettronica per applicazioni di tutti i tipi

 

Stiamo sostituendo questi "moduli PDF" creando una piattaforma elettronica olistica per applicazioni di tutti i tipi. Questa piattaforma elettronica può anche essere impostata per essere compatibile a livello nazionale, a seconda delle esigenze cantonali. Per esempio, un organizzatore può registrarsi una volta in tedesco su www.gesuche.ch con i suoi dati di contatto. Utilizzando i dati di accesso personali, l'organizzatore può immediatamente inserire le rispettive richieste per le attività pianificate in modo digitale. Nel caso di eventi ricorrenti, l'organizzatore può fare riferimento ai suoi dati registrati e aggiornare immediatamente la nuova applicazione con poco sforzo tramite un duplicato. Grazie alla registrazione digitale, il processo è completamente automatizzato da questo punto in poi. L'organizzatore può controllare lo stato della sua domanda in qualsiasi momento effettuando il login e ha accesso diretto alla persona che accompagna la sua domanda nel processo.

 

Dopo l'approvazione, ogni evento riceve la propria identità, cioè una pagina di destinazione specifica con tutte le informazioni registrate sull'evento. Questa pagina di destinazione dovrebbe offrire molteplici vantaggi per tutte le parti coinvolte. In tempi di Covid-19, questa landing page potrebbe anche essere utilizzata per registrare i dati di contatto delle persone che partecipano all'evento. Questo permetterebbe una raccolta centralizzata di dati intorno all'evento. La fatturazione dei servizi può anche essere gestita digitalmente per eliminare le procedure postali nell'amministrazione, cioè per risparmiare risorse e tempo. L'idea del progetto si concentra su olismo, trasparenza, digitalizzazione, automazione e centralità del cliente. I processi amministrativi burocratici saranno omogeneizzati, digitalizzati e allo stesso tempo accelerati, nell'interesse di tutte le persone coinvolte. La piattaforma elettronica sarà costruita in modo modulare per soddisfare la flessibilità delle esigenze future. Automatizzando questi processi, possono essere tutti controllati digitalmente (anche dall'ufficio di casa) dai dipendenti pubblici. Questo permetterebbe un ulteriore beneficio per la società e l'economia, che gli edifici amministrativi spesso belli e elencati nel centro della città (esempio Berna) ottengono un nuovo appeal e possono essere utilizzati in altri modi come un hotel boutique o uno spazio di co-working. Ci sono molti punti di contatto e potenziali sinergie, che possono essere facilmente ampliati pensando in modo olistico. 


SALOMÈ VOGT & DIEGO TABOADA

Avenir Jeunesse


Salomè Vogt era a capo di Avenir Jeunesse, Diego Taboada è un ricercatore di Avenir Suisse. Un obiettivo importante che perseguono in Avenir Jeunesse è la previdenza.

 

Il problema: le lacune nei contributi portano a tagli alle pensioni  

 

Le pause nel lavoro, ad esempio per creare una famiglia, per proseguire gli studi o per trascorrere del tempo all'estero, fanno parte della vita quotidiana di uomini e donne. Tuttavia, tali interruzioni sono scarsamente coperte nel nostro sistema pensionistico a tre pilastri e possono portare a notevoli perdite pensionistiche in seguito. Così, nel primo pilastro, non solo l'ammontare dei contributi di risparmio dell'AVS ma anche il loro tempo sono rilevanti per determinare la pensione di vecchiaia. Se in un certo anno non ne viene pagato nessuno, questo può portare a una riduzione di almeno il 2,3% della pensione di vecchiaia. Le lacune nei contributi, ad esempio a causa di un soggiorno all'estero più lungo o perché i contributi sono stati dimenticati durante gli anni di studio, possono essere compensate solo in misura limitata - entro cinque anni. Se le lacune contributive superano i cinque anni, non sono possibili pagamenti supplementari e la pensione è ridotta a vita.

 

La soluzione: Abolizione del termine di cinque anni per i pagamenti supplementari all'AVS

 

Il nostro regime pensionistico di vecchiaia dovrebbe tenere meglio conto delle interruzioni di lavoro e dei modelli di vita contemporanei. Per non trovarsi di fronte a una riduzione della pensione per tutta la vita se i contributi non vengono versati in tempo, il termine di cinque anni per i pagamenti supplementari all'AVS dovrebbe essere abolito. L'ammontare dei contributi e il numero di anni che possono essere pagati in ritardo dovrebbero essere definiti in modo tale che i pagamenti arretrati servano principalmente a migliorare la propria situazione pensionistica e non possano essere usati impropriamente per l'ottimizzazione fiscale.

 

La politica federale è necessaria per creare il quadro giuridico e i fondi di compensazione sono necessari per attuarlo.

 

L'implementazione dell'idea vale per tutti. Viviamo in un'epoca che permette diverse biografie di carriera. Le interruzioni del lavoro sono più frequenti, il lavoro part-time è in aumento e sempre meno persone iniziano la loro carriera nella stessa azienda in cui vanno in pensione. In altre parole, i casi in cui un'azienda provvede ai bisogni pensionistici dei suoi dipendenti per tutta la vita sono diventati più rari. Queste nuove realtà devono riflettersi anche nella legge. Per l'AVS, questo significa che in caso di lacune nei contributi, deve essere reso possibile agli individui di migliorare la loro situazione pensionistica personale sotto la propria responsabilità - indipendentemente da un limite di tempo di cinque anni.


§ Vincitore 2019

christian Siegenthaler

Student


Christian Siegenthaler, 24 anni, ha conseguito l’estate scorsa una laurea triennale in storia e politica presso l’Università di Berna. Dalla primavera 2019 lavora presso la segreteria generale del PLR. Accanto all’impegno universitario e politico, il giovane di Berthoud suona la tuba in una banda musicale ed è capo reparto degli scout. 

 

Il problema: la dicitura “Da consumarsi preferibilmente entro il…” porta a un enorme spreco di cibo

 

Il senso di responsabilità dei cittadini è uno dei fattori di successo della Svizzera. Eppure sempre più ambiti sono interessati da un aumento delle normative, da un eccesso di regolamentazione o addirittura da divieti, e questo finisce per soffocare il buon senso. Anche nel settore dei generi alimentari. 

 

In Svizzera 2,6 milioni di tonnellate di cibo finiscono ogni anno nella spazzatura anziché nel piatto. Ciò significa che ognuno getta 190 kg di cibo all’anno, ovvero quasi quotidianamente cinque barre di cioccolato ancora confezionate. E, quel che è peggio, secondo l’UFAM per due terzi questo scarto potrebbe essere evitato. 

 

La soluzione: usare più buon senso per i futuri acquisti presso i grossisti

 

L’idea di Christian Siegenthaler parte dal commercio al dettaglio, responsabile di una quota consistente di cibo sprecato. Anziché destinare a fermentazione, compostaggio o incenerimento i prodotti dopo la data di scadenza indicata, il cliente deve assumere una maggiore responsabilità. 

 

I grossisti dovrebbero destinare una parte della loro superficie di vendita ai prodotti alimentari con termine minimo di conservazione già scaduto, a esclusione di alimenti freschi come uova, pesce o carne per via dell’elevato rischio per la salute. Paste alimentari, ravioli in scatola o surgelati possono essere invece consumati alcuni giorni, settimane o addirittura mesi dopo la data di scadenza indicata sulla confezione. 

 

Ai consumatori deve essere data ora la possibilità di decidere in autonomia, con nuovi approcci e soluzioni, se uno yogurt o una confezione di pasta per loro sono ancora buoni. 

 

Questa deregolamentazione conviene anche ai grossisti e all’economia in generale, in quanto si risparmierebbero ogni anno 500 milioni di franchi per lo smaltimento e la distruzione dei prodotti alimentari. Questo sarebbe accompagnato da un’ampia riduzione degli oneri burocratici. Una deregolamentazione che favorisce e prioritizza il comportamento responsabile dei cittadini, alleggerisce l’economia e tutela l’ambiente. Una deregolamentazione opportuna. 


§ Vincitore 2018

Andri Silberschmidt

Presidente dei Giovani liberali radicali svizzeri, consigliere comunale della città di Zurigo, gestore di fondi ZKB e cofondatore di kaisin. GmbH


Licenza pop-up per usi temporanei

 

La politica guarda a un orizzonte di vari decenni quando rinnova il regolamento edilizio e il piano regolatore di un comune o di una città. Si hanno idee concrete di come deve svilupparsi una determinata area. In realtà, non sempre i conti tornano. La città di Zurigo ad esempio ha un indice delle disponibilità abitative dello 0,22 %, sebbene oltre 215 000 mq di superfici ad uso ufficio siano sfitte. Un potenziale inutilizzato!

 

Il problema: disposizioni troppo rigide in tema di usi temporanei.

 

Perché è necessario cambiare qualcosa? Con gli usi temporanei guadagnano tutti: il proprietario può coprire i suoi costi, il locatario ottiene il tanto atteso posto e l'amministrazione pubblica consente soluzioni innovative (ad es. case e moduli plug and play (spazio nello spazio)) per ravvivare i quartieri. Gli usi temporanei creano situazioni di reciproco vantaggio.

 

La soluzione: grazie a una licenza pop-up deve essere possibile realizzare progetti di durata limitata (ad es. 5 anni), a prescindere dalla zona edificabile (ad es. appartamenti per studenti in zone commerciali). Inoltre, occorre adottare le disposizioni comunali per questa durata. L'esigenza di una licenza pop-up è stata confermata in colloqui condotti con varie parti (proprietari istituzionali di immobili, start-up innovative, Jugendwohnnetz Stiftung, …) ed è incontestata. L'attuazione avviene come intervento parlamentare a livello comunale. Un piccolo passo per un politico, ma un grande passo per la deregolamentazione!